Crea sito

Le origini dell'Occidente medievale

  Stampa la pagina << indietro
Secondo una convenzione ormai comunemente accettata, il periodo storico che si definisce «Medioevo» va dal 476 (deposizione dell’ultimo imperatore romano) al 1492 (scoperta dell’America). Anche se gli storici tendono oggi a retrocedere di molto queste date, individuando la dissoluzione della civiltà antica già nel IV secolo d.C. e il tramonto del Medioevo alla metà del Trecento, noi ci atterremo alla scansione tradizionale, suddividendo gli oltre mille anni da essa coperti in tre fasi: quella barbarica (V-VIII secolo), quella feudale (IX-XI secolo) e quella borghese-comunale (XII-XIV secolo). Le prime due fasi costituiscono il cosiddetto Alto Medioevo, la terza il Basso Medioevo. La prima parte dell’Alto Medioevo è caratterizzata dallo spopolamento delle città, dalla rarefazione degli scambi commerciali e dalla crisi delle istituzioni pubbliche. Contemporaneamente, però, si avvia un processo di «romanizzazione» e cristianizzazione delle popolazioni barbariche, premessa essenziale per la successiva ripresa della civiltà europea. Dopo un lungo periodo di disordine e di anarchia, durante il quale l’unica autorità stabilmente costituita era rimasta quella della Chiesa, nel corso del IX secolo si afferma l’Impero carolingio, e con esso un nuovo ordine basato sul fenomeno del feudalesimo: il sovrano premia i propri compagni d’arme e i propri sostenitori con l’affidamento vitalizio di terre, che a partire dall’877 (capitolare di Quercy) diventa ereditario. Tale disposizione di legge segna l’inizio di un indebolimento dell’autorità del sovrano nei confronti dei vassalli, che produrrà a lungo andare una prevalenza dei secondi rispetto al primo, con una conseguente situazione di caos e di confusione amministrativa. Questa sarà una delle principali cause della crisi del sistema feudale, crisi che si accentuerà nel corso dell’XI secolo in seguito alla rinascita delle città e alla progressiva affermazione di una nuova istituzione (il Comune) e di una nuova classe sociale (la borghesia). Il passaggio dal sistema feudale a quello del Comune borghese non è certo indolore, ma avviene al prezzo di lotte durissime e spesso sanguinose, che si prolungano per tutto il XII secolo. La lotta tra le due grandi istituzioni, Papato e Impero, si realizzò in Italia nel quadro di una complessa situazione economica e politica, all’interno della quale maturarono anche quelle condizioni culturali che portarono allo sviluppo di una letteratura in lingua volgare.